mercoledì 18 aprile 2012

ROBIN BERRY: I SEGRETI DELL'ACQUARELLO svelati in INGLESE FRANCESE ITALIANO!

Se il mondo dell'acquarello vi affascina, ecco un libro che lo esplora da innumerevoli punti di vista, in inglese, francese ed anche in italiano.
Robin Berry ce la mette tutta per svelare segreti, tecniche, trucchi del mestiere e alimentare  l'entusiasmo per questo mezzo di pittura così poliedrico !
In questo libro viene illustrato anche tutto quello che precede la creazione: come usare al meglio la fotocamera e come usare le foto, adeguandole allo studio tonale che precede gli acquarelli ben riusciti !

Nel libro di Robin Berry sono presenti numerosi autori, tra cui Lisa Hill.
All'inizio del primo capitolo c'è anche un grazioso suggerimento per avere la mentalità ed il tempo per dipingere! Una mappa della nostra vita quotidiana dentro la quale inserire ispirazione e pratica.
E per concludere il primo capitolo, dando una spallata a molti luoghi comuni, Robin Berry propone una demo di girasoli da scuro a chiaro, di Lisa Hill.


Dalle pagine del libro, una demo di Lisa Hill -Seven Suns, dedicata all'uso degli scuri all'inizio del lavoro.
Nel secondo capitolo "Dipingere" Robin illustra molti modi per trasferire il disegno sulla carta, usare mezzi moderni come il  proiettore ed il visore luminoso per avere la carta meno segnata possibile dalla grafite, poi  si sofferma sui valori tonali e la composizione, sia in relazione al bianco e nero, che al colore.
La dimostrazione finale è una pittura su uno sfondo colorato, colori versati, dopo aver mascherato i dettagli, come base per una veduta intensa di Venezia.


Un canale veneziano: dimostrazione di pittura  con colore  di sottofondo versato su mascheratura,                                                 Acquarello di Robin Berry
Il terzo capitolo è dedicato alla scelta del soggetto, e poichè sono molti gli autori presentati nel libro, dai fiori ai ritratti dai gatti e ai paesaggi...non manca niente.
C'è un tale condensato di argomenti, spunti e idee pratiche che, se uno non è pratico, illuminano il cammino, se uno conosce già l'acquarello è un modo per ricordare in  199 pagine tutte le meravigliose possibilità che abbiamo sottomano !

L'ultima parte è dedicata alle tecniche, quelle antiche di secoli come quelle nuove: le tecniche sono i mezzi per esprimere quello che vogliamo nel modo che vogliamo e ritrovarle tutte illustrate e descritte così bene è un promemoria fantastico !
La dimostrazione finale è dedicata ad uno still-life dove le alte luci sono enfatizzate per creare vivacità, come nella tradizione della pittura botanica anglosassone.


Pere - dimostrazione di Katrina Small - enfatizzare la luce per esaltare la realtà
Sono particolarmente felice che questo libro che ho trovato interessante e vivace sia uscito contemporaneamente, in inglese in francese in italiano...Quando si leggono istruzioni specifiche poterlo fare nella lingua madre è di grande aiuto e vedo che Robin Berry è sempre molto attenta a questo dettaglio, ottenendo subito, dai suoi editori, di essere tradotta in altre lingue!


Edizione in italiano:
I segreti dell'acquarello. Più di 200 consigli, tecniche e trucchi del mestiere (Disegno e tecniche pittoriche)
Edizione in inglese:
Compendium of Watercolour Techniques. Robin Berry

20 commenti:

  1. Ciao, Rita, il tuo blog e' interessante e i tuoi dipinti molto belli. A proposito, io ho fatto una foto ad un vaso con girasoli! Mi piace la fotografia e arte in generale, quindi mi sembra di avere questo in comune. Saluti da NY :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,Loredana sono contenta di incontrarti sul blog!la passione per tutto quello che è bello da vedere e fotografare
      sicuramente ci unisce!Saluti dalle terre dell'Oltrepò Pavese!

      Elimina
  2. Un libro interessante e bellissimo ! Grazie Rita per questa tua illustrazione. Presto avrai tempo per mettere all'opera la tua intensa lettura :-)) Abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In queste 199 fittissime pagine c'è il compendium di tutto quello che si fa...acquarellando.In Francia à stato messo in rilievo da l'Art de l'Aquarelle...da noi in libreria l'ho dovuto ordinare perchè non si erano accorti che esisteva per quanto il Castello sia un editore di Milano!

      Elimina
  3. Rita, cerco che mi affascina ma preferisco ammirare le opere dei veri artisti...se mi cimentassi io farei solo schifezze
    Un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sarei così certa sull'argomento.Ed avevo in mente di fare dei tutorial semplicissimi per vincere questa paura di...dipingere. Se il progetto è semplice,qualcosa di bello può uscire dalle mani di tutti!Sorriso anche per te!

      Elimina
  4. Ciao Rita, ottimo libro quello che ci presenti, sembra molto completo e utile. Devo dire però che ho smesso di acquistare libri e manuali sull'acquerello....dopo però, aver riempito uno scaffale della biblioteca! Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tito,io non andando a lezione,trovo utile investire in libri.Questo è diverso per la quantità di argomenti messi insieme da una editor che per molte cose, ragiona in modo simile a me.
      Sembra strano,ma il mondo dell'acquarello in America è in continua evoluzione e nell'arco di pochi anni i testi riflettono questi cambiamenti.Quando non c'è il flusso creativo con un Maestro,come invece hai tu,il libro nuovo... apre nuovi flussi.Buon lavoro!

      Elimina
  5. Sembra molto bello e interessante,sono già entrato su Amazon e l'ho inserito nel carrello,ora devo trovarne uno simile specifico sui fiori.....
    Grazie per i consigli!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Franz,quale tipo di fiore vorresti dipingere,realistico o impressionista?o botanico?se me lo dici posso darti un consiglio più "personalizzato"...ci sono libri più adatti per ognuno di questi stili! tradotti anche in italiano,...il Castello editore ogni tanto opera questo miracolo!

      Elimina
    2. Grazie Rita! Mi piacerebbe provare con il realistico,ma consigliami tu,se pensi sia meglio iniziare con qualcosa d'altro....sei gentilissima!

      Elimina
    3. Per disegnare e dipingere dei fiori realistici c'è un libro di Robin Berry"Come dipingere fiori ad acquarello partendo da fotografìe".Sono presentati diversi autori con diverse caratteristiche,ma tutti realistici.Sono demo di soli 6 passaggi,preceduti all'inizio del libro dalla spiegazione delle tecniche usate con riferimento ai vari lavori.Tu sei già pratico di pittura,se i fiori realistici sono il tu obiettivo,potrebbe fare al caso tuo. Ciao e buona pittura!

      Elimina
  6. Muy interesante, gracias por compartir la informacion.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Tina: compartir es agradable con los amigos!

      Elimina
  7. Certamente una guida nella lingua madre aiuta molto, anche se in inglese si trovano tanti bei libricini guida di qualsiasi agomento. Mi piace la prima immagine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Micia,quando si affrontano argomenti molto tecnici la lingua che si conosce bene aiuta.Quanto a varietà di testi,certamente... in inglese si trova di tutto di più!

      Elimina
  8. That is a very interesting book, Rita! I have written down the title, to see if I can buy it here.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Robin Berry puts in 199 pages the whole creative process of watercolor modern (computer, camera, projector) and all the mental path from idea to design that is a useful reorganization of all the ideas already present in us to understand even if what we are properly organized, when the technique is the way how ideas are deposited on the paper.
      Robin shows many authors in the book so all methods are explored briefly but condensed and useful.Elizabeth Groves talks about his whole way of exploring watercolor , Robin Berry talks about the ways of many painters( with paintings that are very different).
      Two books that I find in practice helpful!
      Have nice week end,Judy!

      Elimina
  9. Ciao Rita, le tue informazioni sono sempre molto preziose così come lo spirito con cui le proponi.
    Anch'io ho alcuni libri sull'acquerello che ho consultato qualche volta senza riuscire ad utilizzarli più di tanto e mi sono convinta che è bene attingere un po' ovunque per poi trovare una sintesi personale (cosa non semplice).
    Per fortuna il nostro cervello elabora anche "a nostra insaputa"
    e dall'accumulo di idee e informazioni, oltre al substrato personale, scaturiscono momenti creativi.
    Ciao, ciao con grande simpatia, Floriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Floriana,io ho sempre imparato dai libri...a cucire,a cucinare,a dipingere la ceramica,a fare il decoupage quando ancora non era diffuso e prefabbricato come ora.E' come se i libri mi parlassero,io guardo eseguo e poi quando mi pare di aver capito faccio a modo mio.Lo stesso per i video workshop,dello streaming o i Dvd.Ad ogni trasloco eliminare libri è stato un dramma e tuttora,nonostante le decimazioni, libri di tutti i tipi riempiono parecchie librerie.Comprare un libro nuovo è come riaprire un mondo,che poi cederà il passo ad un altro ma verrà recuperato quando si presenta un problema che lì è stato risolto.La memoria mi aiuta nella gestione dati,so sempre quale cosa mi interessa e dove trovarla.Dove gli altri andrebbero al cinema o ad un concerto...io mi compro un libro!Poi il cervello fa come dici tu e si va avanti,meglio se insieme a degli amici,come te,che trovo sul blog per dialogare sulle nostre esperienze e come le metabolizziamo!Un abbraccio!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...