martedì 17 gennaio 2012

DISEGNARE & DIPINGERE:Facile con il tratto pen!

I pennarelli e le penne da cui siamo circondati nascondono le loro attitudini artistiche per chi non ha mai pensato di usarle in modo alternativo agli scarabocchi che facciamo mentre siamo in attesa ,durante una chiamata...dallo scarabocchio all'arte il passo puo' essere piu' breve di quello che si crede.


Un disegno a matita ripassato con il trattopen ed acquarellato

Le penne hanno inchiostri solubili all'alcool o all'acqua : oggi voglio prendere in considerazione pennarelli tipo il trattopen perche' è solubile all'acqua e di solito l'acqua è sempre a portata di mano...molto piu' dell'alcool.

Il mio obiettivo è sdrammatizzare l'arte,se l'ARTE appartiene al Genio,a noi comuni mortali  èsempre concessa un po' di arte quotidiana.E facendo questi esercizi artistici potremo trovare sorprese e piccole soddisfazioni a portata di  mano..e di penna(rello).Inizio schizzando ormai ad occhi chiusi il mio fiore rosa,lo so a memoria...forse anche voi,ormai.

Il disegno ripassato con il pennarello
Proseguo ripassando le linee con il trattopen,sto usando un ritaglio di Letraset pressata a caldo,ma un Fabriano4(grana liscia)  puo' andare benissimo o  una carta da stampante di  grammatura alta e,volendo,  il cartoncino bristol.Niente vieta di usare carta ruvida ma sul liscio...è tutto piu' facile quando si inizia a conoscere questa tecnica.L'inchiostro scorre bene e la sfumatura si allarga con grazia.



Il tratto rinforzato secondo il proprio stile
 Potreste usare qualunque carta ma se non ha un minimo di peso,al contatto dell'acqua la carta si danneggia e se si rovina uno schizzo promettente poi ci restate male! Quando l'acqua entra in gioco la carta deve essere sempre adeguata.

Prime lavature,usate l'acqua con parsimonia...

L'inchiostro nero rivela,molto piu' che nelle foto(oggi dalle finestre non entra luce e la luce artificiale per le foto non è il massimo) sfumature violacee e madreperlate...ogni pennarello nero  solubile ha una personalita',c'è quello che tende al blu,quello che vira sul rosso ed anche sul verde...provate e vedrete!
Per  bagnare i tratti ho usato un pennellino a lingua di gatto, sintetico ,contiene poca acqua e va bene per questo lavoro.Usate poca acqua(anche un pennello rotondo non troppo grande andra' bene quanto quello che ho usato io) e guiderete bene lo scioglimento del tratto.


Un disegno al giorno... leva il medico di TORNO
 Per collegare le parti scure al bianco, creando i mezzitoni.lasciate che lo schizzo sia di nuovo asciutto (usando poca acqua non ci mette molto,pero' dare tempo alla carta di asciugare non la danneggia)e riprendete ad inumidire con un pennello rotondo,tipo questo sintetico della "da vinci" (n°10)che permette di sfumare con
morbidezza,rispetto al primo che ho usato. Ma non fate troppi interventi,gli schizzi sono fascinosi così,con quel tocco di presto fatto e spontaneo che un pennarello vi permette ogni momento.Tra quando fate il disegno e quando usate l'acqua può passare del tempo  perche' il trattopen continua ad essere solubile.Chi di voi mi legge perche' ha in mente di  fare qualche prova d'artista...adesso puo' farlo con il minimo del materiale possibile.E' facile con il trattopen!

Disegnare facile: con i pennarelli!

8 commenti:

  1. Mi hai ricordato che ogni qual volta disegnavo, poi ripassavo i contorni con il tratto pen nero.

    RispondiElimina
  2. E tu mi fai riflettere,cara Micia,come disegnare appartenga ad un periodo della vita,la scuola per esempio,e poi ci si dimentica.Finchè"qualcosa" non lo riporta in primo piano, come è successo a me,una decina di anni fa!

    RispondiElimina
  3. Ma sai che non ci avevo pensato? E' proprio vero, con questi tipi di penna,si possono ottenere effeti particolari!Grazie Rita! Ciao da AnnaRosa

    RispondiElimina
  4. Spesso i materiali piu' semplici,permettono effetti speciali!Se Leonardo avesse avuto il trattopen...Ciao da Rita

    RispondiElimina
  5. Cara Rita non avrei mai pensato che con uno strumento all'apparenza così banale, come quel tipo di penne, si possano ottenere degli effetti bellissimi! Ciao Maddalena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Madala,sono contenta di far scoprire il lato straordinario delle cose ordinarie!

      Elimina
  6. Mi piace la tua pittura al giorno toglie il medico di torno! Anche questa penna sembra molto interessante, non ho mai visto uno prima, e cose di questo tipo non è facile trovare in Canada. Io ho una penna con una punta di pennello, che posso svitare e mettere l'acqua in esso e quindi toccare la vernice e dipingere in quel modo. Ma che sarebbe meglio per la pittura en plein air ... che mi dispiace tanto per dire che non faccio.
    Amo il lavoro, e spero che si stanno avendo una buona giornata!
    :) Kim

    RispondiElimina
  7. bello;appena l'ho visto ho voluto subito disegnarlo...infatti l 'ho disegnato ...spero non ti dispiaccia..ho solo 12 anni ma amo disegnare e amo l'arte. un saluto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...