martedì 13 marzo 2012

DISEGNARE FACILE: CON I PENNARELLI !

Se disegnare con il trattopen è stato facile,  vorrei tornare sull'argomento aggiungendo qualche variante!
La caratteristica che rende così piacevole il trattopen è la solubilità, che prende riflessi madreperlacei.
Ogni marca di pennarelli solubili tende ad avere coloriture differenti e quindi facendo piccole prove (anche con i pennarelli che avete già in casa) potete scoprire queste variazioni.


Un boschetto, schizzato in 15 minuti, compreso le fotografìe per il post!

Il trattopen nero che ho usato per questo lavoro ha preso chiaramente dei riflessi blu !
Adesso che andiamo nella bella stagione (così si spera) il desiderio di fare qualche disegno all'aria aperta, anche per completare gli appunti presi con la fotocamera, aumenta ma si scontra con l'idea di una attrezzatura  forse ingombrante che poi...resta regolarmente a casa!
Invece, con un trattopen, un pennarello non solubile a punta grossa ed uno a punta fine, un pennello che ha la riserva d'acqua, gomma e matita, potrete essere a posto per queste piccole prove in plein air.


Caratteristica degli schizzi è sintetizzare il soggetto,velocemente

Schizzate a matita il soggetto, con tratti leggeri, delineate e ridelineate come volete, tanto la gomma cancella le linee superflue, finchè l'acqua non entra in funzione.
Quando lo schizzo è pronto, decidete cosa volete sciogliere con l'acqua e cosa no.



Queste sono le linee di due pennareli NON IDROSOLUBILI,con punte di misura differente
 Ad esempio, un albero ha un tronco che vi potrebbe fare piacere mantenere "solido" e delle foglie che potreste voler vedere sfumate. I contorni di una casa possono essere solidi, mentre i  muri di mattoni o le pietre ed anche gli intonaci, potrebbero essere acquarellati.
Quindi ripassate con il pennarello non solubile le linee che saranno "fisse" e con il pennarello solubile le altre. Cancellate i segni della matita con una gomma se volete, o tutti o in modo selettivo.


Il mio boschetto,disegnato con i pennarelli non idrosolubili ed il trattopen,dopo la cancellatura della matita

Poi  bagnate le linee ,dove desiderate, con il pennello a riserva d'acqua.
Disegnare è facile con i pennarelli: un blocco per schizzi e un minimo di materiali per affrontare l'avventura di sentirsi urbanscketchers!


Tutti i materiali usati per questo lavoro
Disegnare: facile con il trattopen!

31 commenti:

  1. It is fun to use watersoluble pens, I've tried that too. The colours are very surprising! Lovely sketches, Rita, and a beautiful photo for reference!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Judy!Combining soluble and insoluble you do so many things ... but many people do not suspect! To these I dedicate my post after the success of post "easy drawing whit trattopen!"

      Elimina
  2. Hello Rita:) As you write about the subject of painting plein air I want to go out right now but... I'm scared of the idea people are going to wach. That's the reason I never did plein air and I live in a beautiful environment! Maybe I try this summer:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello Renate! Even in the midst of a forest where no one goes, as soon as I pull out my skhetchbook to draw, someone comes along!
      As artists ,we must be courageous! And we have to think that people who stay are not able to draw, otherwise they would have a sketchbook!

      Elimina
    2. Hi Rita:) I will remember that! Thank you:)

      Elimina
  3. Cara Rita. Il pennello a riserva d'acqua è una favola, e come giustamente dici per fare l'urbansketcher è indispensabile. Lo trovo un oggetto geniale, con poche cose in borsa e con questo pennello riesci a fare dei bei lavori ovunque. Stessa cosa per il trattopen, ne avevo fatto la conoscenza qualche anno fa durante un piccolo corso di acquerello, dove venivano insegnate varie tecniche , e ne rimasi conquistata. In poco tempo riesci a creare cose molto gradevoli e lo dimostri perfettamente con i 15 minuti del tuo boschetto! Un abbraccio -a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Jane,trovare questi pennelli non è stato facile,poi ad Annemasse,ne ho trovati perfino di diversa grandezza nella papeterie locale.Le penne stilografiche e quelle da calligrafìa,con i pennini a punte diverse,danno tratti molto belli...però con i pennarelli è tutto più semplice ed...antimacchia.
      IN BOCCA AL LUPO per OGGI!!!

      Elimina
  4. Lovely ! I like it very much !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Your pictures are perfect for sketching,Lavana!

      Elimina
  5. Ti svelo un mio piccolo segreto! Quando vado al mare o a qualche scampagnata, porto sempre con me un blocco e il trattopen! E' cosi' rilassante.....Complimenti a te Rita,per questo tuo disegno che trasmette la freschezza e spontaneita'del tuo modo di esprimerti.

    RispondiElimina
  6. Cara AnnaRosa,vedi quante cose abbiamo in comune!?Il disegno è fatto di corsissima per la dimostrazione del post!Mi ha perfino sorpreso quanto blu è uscito fuori da questo trattopen nero...Disolito è bluastro ma non così tanto...per me era un trattopen blu con la carrozzerìa sbagliata.Ma ormai...il post è fatto!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie per questo post Rita. Una piccola ma molto interessante lezione. Ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tito.L'unica seccatura di disegnare all'aperto, come dice Renate,è che arrivano tutti a vedere e qualche volta si rimane imbarazzati!Sabato scorso ero in mezzo ad un bosco con Danilo ed appena abbiamo tirato fuori i taccuini si sono materializzate due persone per chiederci informazioni!!!Erano anni che lì non incontravamo nessuno, ma era la prima volta che avevamo il taccuino!Ciao!!!

      Elimina
  8. Che bello Rita! Grazie delle informazioni, ciao ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,Madala.Un saluto...e preparati a sperimentare
      il disegno rapido!

      Elimina
  9. sono una persona curiosa e questa tecnica mi è sconosciuta,ma chissà che non ci provi!!grazie della tua condivisione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gabe,sono felice di poter fare conoscere cose semplici che possono essere utilizzate da chiunque.Se hai una penna stilografica puoi provare ad acquarellarne il tratto e vedrai che l'inchiostro ha sempre sfumature diverse (a volte vira al marrone,a volte al bruno e perfino al verde).Ciao!

      Elimina
  10. Beautiful sketch Rita, I love watersoluble pens and pencils and you did great job here.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks,Sidmar!I love your super fresh works!

      Elimina
  11. It is very nice of you, Rita to share this information. I bought some water-soluble pens recently, but was disappointed with their insufficient solubility. Apparently there are better brands. Using water-soluble pens and pencils plus a water-brush is indeed a great way to sketch outside.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dear Blaga,the companies produce water soluble pens and pencils, half water-soluble, water insoluble.
      Maybe the world of graphics needs of middle-solubility?
      We should buy a piece, take it home, try it and decide if it's okay!
      For years I buy too many things wrong ... an excess of confidence in the brand.We must be wary customers!

      Elimina
  12. Hola Rita,
    te han quedado los dibujos muy bonitos. Eres muy creativa.

    Saludos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Rosa!Gracias por tus palabras siempre amables!

      Elimina
  13. Rita! noto che comunichi benissimo in piu' lingue. Complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara AnnaRosa,altri miracoli del blog!!!

      Elimina
  14. Ciao Rita, come tutti i tuoi articoli anche questo è molto interessante. Anche io tempo addietro ho utilizzato i pennarelli ad acqua per disegnare ed ombreggiandoli poi con delle semplici pennellate di acqua. La cosa più bella è che i risultati arrivano nonostante la povertà dei materiali. Pennarelli da due soldi, un pennellaccio qualsiasi, magari non di setola, un po' d'acqua e carta e il gioco è fatto.
    Volendo strafare si può utilizzare la penna stilografica con inchiostro non indelebile, il risultato è garantito.

    Sei forte Rita, complimenti per i tuoi articoli.

    Ciao a presto
    Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,Alessandro.Grazie per le tue belle parole.E' incredibile come,spesso, con gli strumenti che a scuola usano i bambini si possano fare tante cose artistiche!!!

      Elimina
    2. Fantastico y Bello. Un abrazo. Manoli

      Elimina
  15. Rita, il tuo talento è straordinario. Bellissima opera altro che schizzo
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Bellissimo il boschetto io nemmeno in un giorno riuscirei a farlo!! buona giornata...ciao

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...