mercoledì 30 maggio 2012

LE CRETE SENESI: STORIA DI FAMIGLIA

Ieri ero così desiderosa di dipingere in plein air che con la fantasia sono andata nelle Crete Senesi, le terre dove ha radici antiche la famiglia di mio marito.
I suoi antenati hanno coltivato quei campi per secoli, pagando tributi ai signori locali ed alla fondazione dell'Ospedale di Santa Maria della Scala di Siena, proprietaria di quelle terre.

Il podere Ripi, costruito nelle Crete Senesi nel 1565 e dipinto da una foto di archivio scattata in un periodo di abbandono. - Acquarello di Rita Vaselli 21x30 cm.

Negli archivi storici, proprio grazie alle registrazioni delle tasse, la vita di questa famiglia e dei vari rami è estremamente documentata.
Hanno vissuto continuativamente e coltivato la terra a grano olio e vino allevando il bestiame (che serviva anche al posto dei trattori) dal 1565 in tre particolari fattorie; in una di queste prima dell'abbandono definitivo della terra, Danilo ha fatto ancora in tempo a nascerci, ultimo dei Vaselli che stavano dal 1739 a Fonteluco, il podere più grande e più produttivo (se si avevano forti braccia in famiglia).

Pian della Bestina: sulla destra, il podere di Fonteluco 

Prima di collaborare a costruire il  mio blog, Danilo ha fatto un blog "di prova", dove ha scritto i suoi ricordi e qualche suo pensiero.
Gli amici stranieri faranno fatica a seguire con il traduttore, ma per chi è italiano questi racconti potranno rappresentare una piacevole sorpresa!

La strada passa davanti ai cipressi del "Madonnino", prima di arrivare a Fonteluco.

47 commenti:

  1. e meno male che con i muri non ci sapevi fare.....è bellissimo!
    Ottimi i colori utilizzati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franz,qui i muri sono proprio un accenno,niente a che vedere con il Castello di Sirmione!Il cancello rosso me lo sono inventato all'ultimo...e ha dato vita a tutti gli altri colori.

      Elimina
    2. Il tocco personale ci vuole sempre,hai fatto bene ad inserirlo!
      Comunque ripeto che ti è venuto proprio bene!

      Elimina
  2. Cè una bellissima leggerezza in questo acquarello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ,Djr e benvenuta nel mio blog!

      Elimina
  3. Your painting has a beautiful atmosphere, Rita. I like family history, but it is difficult to read because of the translation.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks,Judy!When I write my posts I always check if somehow the English translation.
      This time I knew that it was difficult.

      Elimina
  4. Un'opera che mi ha fatto volare con la fantasia.....è calda, avvolgente e dona emozioni vive...sarà la cromia che ha reso un'atmosfera magica
    Rita, sei GRANDE!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piaccia,Simo, perchè io dipingo poco i paesaggi,ma questi della Toscana sono così legati alla mia vita ed ai miei ricordi che quando mi decido ...è come essere là!

      Elimina
  5. Rita, tienes mucha fuerza interior, se nota en tus pinturas. Esta me gusta muchísimo, tiene la duplicidad de la calidez y la energía.

    Saludos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias, Rosa.
      Más de pintura...
      cada vez que sucede algo nuevo.Un abrazo!

      Elimina
  6. ein ort zum relaxen und seele baumeln lassen ich mag die warmen farben und das rote tor gibt den speziellen touch, ich mag es besonders!
    einen schönen tag noch rita
    maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dear Maria, the red gate is out of my heart.
      I like the symbols and I will
      feel.
      The color is like the words, the symbol is like music.
      For this reason I really like how you paint!

      Elimina
  7. E bellissimo il tuo dipinto Rita, colori caldi e Mediterranei, ho letto che hai aggiunto il cancello all'ultimo momento, sicuramente hai fatto bene, aggiunge un tocco di mistero ed intimità. Buona giornata !

    RispondiElimina
  8. Ciao,Jane...pensavo di averti risposto,ma qualcosa non ha funzionato!Sono contenta che ti piacciano i colori,più simili a quelli della Provenza quando il giorno è assolato,che non a quelli delle colline nostrane!Quando c'è foschìa e succede invece...i grigetti neutri sono uguali dovunque!

    RispondiElimina
  9. Bonitos trabajos, muy sueltos y con buen colorido, lo que muestra el dominio de la tecnica.
    Gracias por seguir mi blog.
    Saludos.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola,Antonio!Gracias por tus palabras!Saludos!

      Elimina
  10. Bellissimo l'acquerello del Podere!
    Mi riporti ai miei 3 anni vissuti a Siena e provincia, anni che mi resteranno dentro per sempre, perché mi hanno colmato il cuore di bellezza!
    Corro a leggere il blog di Danilo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elle immagina un luogo,il paesino di Serre,dove un numero incredibile di persone perfettamente documentate(dovevano saper leggere e scrivere per pagare tributi,ricevere ispezioni vescovili..eccetera)e che porta il tuo cognome e quello di tua nonna.Danilo da piccolo si muoveva ancora da un podere all'altro come fosse figlio di tutti.Ed anni dopo con i capelli già un po' bianchi appena sceso di macchina è stato subito identificato!Mi,Danilinoo!dove Mi sta per mira,come a volte nel sud!Penso che con il fatto che ci hai vissuto e con le tue radici sarai perfettamente in grado di sentire questi ricordi e questi luoghi!

      Elimina
  11. Me gusta mucho la calidez de los colores colores. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Los colores de estas tierras son similares a los del campo en algunas partes de España!Hola,Tina!

      Elimina
  12. conosco le crete di Siena,perchè là sono le mie radici e ti assicuro che nel tuo acquarello ritrovo tutti i colori caldi della mia terra.ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabe!le nostre radici passano da queste terre,la Sicilia e la Toscana,allargandosi meravigliosamente!Un abbraccio!

      Elimina
  13. nel tuo acquerello c'è tanto calore e si respira un'aria d'altri tempi, io adoro tutto ciò che ricorda il passato e il tuo dipinto mi fa proprio sognare.
    salutoni
    imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,ragazze.Io sono contenta che questi ricordi siano belli anche per voi!un abbraccio!

      Elimina
  14. Le pinceau dans le présent et la tête dans le passé, résultat une aquarelle très châleureuse et personnelle. Bises !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merci, Lydie.
      C'est agréable de peindre et raconter l'histoire de ceux qui sont venus avant!
      L'émotion aide les pinceaux!Bisous!

      Elimina
  15. Ciao Rita, le storie di famiglia sono sempre cosi affascinanti perchè sono fatti realmente accaduti, vissuti da persone vere,persone che hanno fatto la nostra storia.Interessantissimo.ciao gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara gloria,sono contenta perchè il blog permette di raccontare tante cose,come una volta si stava a veglia la sera...ed ognuno raccontava qualcosa per gli altri!Ciao,Rita.

      Elimina
  16. Hello Rita:) I just saw at the right side of your blog "my personal website". I had not seen this before. Love your gallerie! Also see the kitchen were you were painting at first and saw the photo of you new studio. Wow! Must be wonderful to paint in there. Love the painting of your family house. The yellow color is so pretty and I like the red spatters!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Renate! This room for painting is very useful!
      Tomorrow will be for ten days the playroom of Beatrice!
      I like to paint the houses of the Tuscan countryside and... I will paint again!

      Elimina
  17. I love the painting ... I really do. The family history is what life is all about It builds a window on history. Thank you for sharing, I really enjoyed this post, Rita.

    RispondiElimina
  18. I love a lot of these lands the story of someone who lived, as the ancestors of my husband . When you draw the cathedrals you know what did the men who built them ... I love the story of ordinary people who patiently worked land, built homes, brought up children.
    They will not enter easily in books, but in our heart and thanks to them, we live today.
    This feeling,John, I really admire in your works!

    RispondiElimina
  19. Makes me want to come to the countryside. Lovely colors - love the impact of the red gate and how you put it in the building

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks,Nelvia!How many moments of joy gives to paint or draw! And when we go for a walk we are ready to capture moods or images to put on our white paper! Have nice week end!

      Elimina
  20. Amo i casali...e grazie per averci dato un assaggio storico delle Crete Senesi. Brava anche a rappresentare le strutture..., mi piacciono i colori usati e quel tocco di rosso completa questo bel dipinto.
    Ciao Rita un grosso bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francesca,questo paesaggio vorrebbe essere il primo di una serie,in particolare,se riesco a digitalizzare le mie diapositive,dedicata al paese di mio marito per consegnarlo alla memoria dei miei nipotini.Un bacione anche a te!

      Elimina
  21. Ciao Rita, ho pensato subito alla Toscana vedendo il tuo acquerello, i colori così caldi, i contrasti di luce, il casale......bello!! Complimenti per questo post così interessante. Abbraccio.

    RispondiElimina
  22. Grazie,Tito.E' vero,a parte le foschìe collinari,che non mancano,nei giorni di sole le Crete hanno colori molto energici!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  23. Beautifully painted..love the looseness of your paintings. The red gate brings me inside!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks,Hilda!The last red brushstrokes directly from my mind!!!

      Elimina
  24. wonderful atmosphere and warmth rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks,Jane.For atmosphere,if you say so...
      I'm very happy because you are... MASTER!

      Elimina
  25. Cara Rita, anche a me piace il cancello rosso. Ti invida ad entrare e godere il bel paesaggio toscano. I colori sono caldi e vibranti. Bellissimo! Buon fine settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,Loredana!Spero di vedere presto il risultato del tuo fine settimana...blogging away!

      Elimina
  26. ciao Rita,
    un casale così fa subito pensare a come sarà dentro, chi ci avrà abitato e alle storie e segreti passati da lì...
    I colori sono quelli della Toscana, ma è vero che casali simili,
    abbandonati e non, in Italia sono quasi come i fili d'erba...(non so altrove) e ognuno emana una atmosfera particolare,è una cosa a sè... come anche questo che tu hai dipinto rendendogli la sua aurea specifica!
    Ciao, ciao, con affetto, Floriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Floriana,un professore di storia del paese dove è nato mio marito ha scritto un volume che parla dall'inizio (i reperti romani)ai giorni nostri di questo territorio.Ha completato il volume con tutti i riferimenti storici con altri due volumi dedicati ai casolari senesi( con foto e disegni anche risalenti al 1200) e le storie con i cognomi delle famiglie che hanno abitato ciascun casale dal medioevo ad oggi!Andando a trovare i parenti, qualche anno fa, ce ne sono state donate le copie e i miei nipoti potranno trovare tracce dei loro antenati nei secoli passati,con dovizia di particolari!E' bello che qualcuno abbia studiato anni per regalare un passato documentato a qualche centinaio di compaesani,ormai tutti parenti tra loro!Un abbraccio!Rita.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...